logo

© 2021 Gruppo Italica 

Navigando il sito acconsenti all'accettazione  della Privacy Policy

1

Il processo di trasformazione si svolge in due fasi, nella prima fase il rifiuto viene conferito nella cella primaria per essere sottoposto ad un primo trattamento per la trasformazione del materiale dallo stato solido a quello gassoso, questo processo produce dei gas di sintesi, che vengono trasferiti nella cella secondaria ad una temperatura che va dagli 800 ai 1.200 gradi, per poi venire raffreddato con uno scambiatore aria-aria (oppure venire sfruttato per produrre energia termica, per esempio per il teleriscaldamento, o elettrica, grazie a turbine, che auto-alimentano lo stabilimento in cui l'impianto viene installato). Il risultato è l'abbattimento delle emissioni di sostanze al di sotto dei limiti di legge vigenti, mentre si calcola che il residuo della lavorazione che andrà rimosso e smaltito è pari al 4% del materiale conferito inizialmente.

 

 

I punti chiave in termini di efficienza ambientale e produttiva sono i seguenti:

 

• riduzione drastica dell’inquinamento ambientale;

• elevata efficienza tecnico/produttiva del processo;

• creazione di occupazione e specializzazione (in termini di know-how) locale;

• eliminazione delle emissioni di polveri;

• eliminazione delle emissioni di sostanze maleodoranti;

• riduzione degli scarti di processo;

• riciclo dei materiali riutilizzabili;

• produzione di energia e risparmio energetico;

• basso impatto paesaggistico;

• sostenibilità architettonica per costruzione anche in zone urbane;

• riduzione dei trasporti.

 

 

 

scheda
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder